.
Annunci online

mediaround
Spettacoli ed eventi da seguire
 
 
 
 
           
       

MediaRound è una agenzia che segnala eventi (teatro, danza, musica,mostre, incontri letterari e convegni) di certificata garanzia e assolutamente da non perdere, in base al giudizio di esperti del settore e del gradimento del pubblico.

Solo eventi D.O.C. per dire NO ALLE BUFALE!


Il grande Bustric



 
14 dicembre 2005

UN BELLISSIMO CONCERTO-SPETTACOLO SU OLIVER TWIST ALL'AUDITORIUM DI ROMA A INGRESSO GRATUITO

CONCERTO MULTIMEDIALE INGRESSO GRATUITO 

 

La storia in musica di

OLIVER TWIST

 

Concerto spettacolo  multimediale per  pianoforte preparato,  flauti, orchestra d’archi, elettronica, voci recitanti e visual-art.

Roma, 20 dicembre 2005, ore 20,45

Auditorium Parco della  Musica Sala Petrassi

 

 

Musiche di ENRICO MELOZZI

Orchestra Dimi, diretta dall’autore

 

Flauti solisti GIUSEPPE NOVA e MAURO BAIOCCO.

 

Al pianoforte solista si alterneranno Claudio Filippini e Luisa Arpa.

Ensemble Pianistico Contemporaneo

Ensemble Flautisco Sperimentale diretto da Mauro Baiocco

 

Voci recitanti Elisa Di Eusanio e  Daniele Orlando (Accademia Nazionale D’ Arte Drammatica) , Walter Nanni (attore e registra abruzzese), Lorenzo Degli Innocenti (RAI), Sara Tosti (Centro Sperimentale di Cinematografia – ROMA).

 

e con la voce recitante di Cinzia Leone

 

 INGRESSO GRATUITO FINO AD ESAURIMENTO POSTI - RITIRARE I BIGLIETTI NELLA BIGLIETTERIA DELL'AUDITORIUM 06 80241281 - 06 802413501


Le disavventure dell'orfanello Oliver Twist, piccolo eroe inglese di Dickens, che nella Londra del settecento finisce in una banda di ladri bambini che fanno capo al perfido Fagin, è l’ispirazione di questo concerto-spettacolo multimediale che sarà rappresentato il 20 dicembre, nella Sala Petrassi dell’Auditorium di Roma.

L’opera composta dal giovane Enrico Melozzi, scaturisce dalla ricerca e lo sviluppo di nuove forme di comunicazione artistiche, attraverso l’utilizzo e la contaminazione di musica, immagini e testi, hanno portato l’Associazione LISMAARTE a sviluppare un progetto all’avanguardia in questo settore. E’ stato scelto questo soggetto proprio per l’attualità dell’argomento: il disagio giovanile metropolitano globalizzato, nel quale purtroppo ancora oggi vediamo tantissimi bambini sfruttati e impiegati nel mondo del lavoro, e la negazione dell’infanzia. E proprio il fatto che Oliver Twist sia un bambino, si crea un ulteriore parallelo con il progetto. Infatti, gli elementi che costituiscono novità e ricerca, toccano la prassi esecutiva, che assume dei connotati oltre che di interpretazione, anche insoliti: a fianco ad interpreti di esperienza e di chiara fama, si esibiranno giovanissimi musicisti, scelti tra giovanissimi talenti dai dieci ai 14 anni,  che affrontano con maturità e professionalità il palco. Come conseguenza naturale, anche la prassi compositiva assume un ruolo di importanza strategica: l’autore deve muoversi in determinati ambiti, per mettere i giovani esecutori nelle migliori condizioni di poter suonare. Tutto questo è stato realizzato, non solo tenendo conto delle capacità di ogni singolo e delle difficoltà tecniche dello strumento, ma anche dell’aspetto emotivo che, giocoforza, pervaderà i miniprofessionisti. L’utilizzo di immagini proiettate durante il concerto, create appositamente da Georgia Tribuiani, daranno un’altra dimensione alla musica: è come se si acquistasse la dimensione della profondità della musica, come un completamento naturale del senso dell’udito con quello della vista in una simbiosi e sincronismo assolutamente armonici. Ma soprattutto metteranno in evidenza la prassi esecutiva straordinaria e innovativa utilizzata dai piccoli strumentisti: il pianoforte viene considerato come territorio di divertimento e sperimentazione. Piccole telecamere inserite nel pianoforte proietteranno sullo schermo tutte le soluzioni creative che vedranno il pianoforte usato come uno strumento a percussione o preparato, utilizzato con bacchette, forchette e cucchiai; come uno strumento a pizzico, utilizzando plettri e altri marchingegni come trapani elettrici, piatti giocattoli e palline da ping-pong.

La presenza di voci recitanti fuori campo, completeranno l’opera: alcuni brani del romanzo, i più significativi ed emozionanti, riadattati e diretti da Stefano De Angelis, saranno recitati sul commento musicale, creando una sorta di astrazione dell’ascoltatore dal luogo in cui si trova. Ci si troverà in un turbinio di emozioni forti, di continui stimoli comunicativi, che non permetteranno mai di abbassare la soglia di attenzione.

 

 

Enrico Melozzi (Teramo, 1977), compositore, violoncellista. Considerato una personalità poliedrica nella scena musicale nazionale, spazia dall’attività di compositore a quella di concertista, muovendosi agilmente tra diversi generi e stili, dalla musica classica al jazz, dalla musica contemporanea alle più particolari forme di improvvisazione. Dopo il diploma in violoncello con il massimo dei voti, si dedica alla materia compositiva, dapprima in Germania, dove diventa assistente di Michael Riessler, celebre compositore e virtuoso del clarinetto. Successivamente a Roma, dove tuttora vive, si dedica alla composizione di colonne sonore per il piccolo e grande schermo, ottenendo in poco tempo numerose pubblicazioni ed emissioni televisive da parte di RAI – SKY – CAM ORIGINAL SOUNDTRACK – DIMI, e molti lavori teatrali (Walter Nanni, Cinzia Leone, Accademia Nazionale Di Arte Drammatica di Roma). Firma numerosissime collaborazioni con la nuova scena Jazzistica Italiana” (Fidanza, Filippini, Lorusso, Signorile, Montagne etc…) sia come strumentista che come arrangiatore e compositore, e si fa presto notare da musicisti di calibro internazionale, scrivendo per Paolo Fresu, Sabine Mayer, Michel Portal, Pierre Charial, e Terry Bozzio, storico batterista di Frank Zappa.

Il bisogno di ricercare una via espressiva che tenga conto dei nuovi parametri di attenzione del pubblico moderno, lo porta a collaborare con Stefano De Angelis, DJ, programmatore e compositore, con il quale fonda il Lisma Project (2003). Ne segue la produzione “LISMA VIVE” (prodotto da LISMA ARTE, IMAIE, RAIDOC), e molti altri concept show multimediali (Enterratis, Premio Zeus).

Nell’ambito della musica sinfonica e cameristica, compone diverse opere, tra le quali spiccano “3+3, come la forma cambia ciò che esprime”, (concerto per pianoforte e orchestra), “RagTime per 6”, “Il grande abete Rosso”(fiaba sinfonica), Adagio e Fuga per orchestra d’archi.

Dal giugno 2005 lavora al progetto RIDESIDE, liberamente tratto al romanzo “Desideri” dello scrittore abruzzese Roberto Michilli, al quale è legato da un decennale sodalizio artistico.


LISMAARTE- DIMI- IMAIE

COMUNE DI TERAMO - PROVINCIA DI TERAMO - REGIONE ABRUZZO

COMUNE DI ROMA - REGIONE LAZIO – AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA

Presentano il progetto approvato e lodato dalle commissioni artistiche di selezione dell’IMAIE, dell’Auditorium Parco della Musica, e dell’ACCADEMIA NAZIONALE DI SANTA CECILIA.

 




permalink | inviato da il 14/12/2005 alle 16:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

8 dicembre 2005

Due ore di divertimento

Una compagnia numerosa, allegra e produttiva, nel senso che in questi tempi di magra teatrale (mancanza di idee, di attori e di autori) questo gruppo inventa, produce, diverte e con un solo spettacolo della scorsa stagione teatrale, ha già collezionato spettatori affezionati che hanno richiesto la loro presenza anche nel cartellone di quest'anno. Tornano, a volte tornano...e noi siamo felici di presentarveli, offrendovi la possibilità di vederli senza impoverirvi. Anche questo mese, quindi, ecco la nostra offerta. Prenotatevi facendo riferimento a questo sito e presentatevi a teatro con la  locandina qui sotto (ritagliatela e stampatela). Sarete accolti magnificamente e non resterete delusi! 




permalink | inviato da il 8/12/2005 alle 17:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

29 novembre 2005

Una serata divertente e...istruttiva!

 

Siete a Roma? Avete problemi d'amore e di coppia? Non sapete come prendere il vostro moroso/morosa? Tutti i segreti in una serata divertente al massimo!Stampate questa pagina e prenotate un posto a teatro: avrete la sorpresa di vedervi fortemente ridurre il prezzo del vostro biglietto.Telefonate per prenotare allo 06 6796496

Dal 13 dicembre all’8 gennaio

COME UN ANGELO (caduto dal cielo)

di Renato Sannio

con Renato Sannio, Claudia Campagnola, Veronica Pinelli, Giovanna Martini, Marco Cavallaro, Gigi Garretta e Mario Crocetta.

Regia di CLAUDIO INSEGNO
*

Arriva al Teatro Flaiano una commedia che sembra francese ma non lo è, che passa per inglese ma non ci riesce, che vuole essere americana ma non è giusta. Dagli attori, al regista, all’autore una novità tutta italiana. Una vera commedia all’italiana. “Come un Angelo*” (*caduto dal cielo), parafrasando la celebre canzone, è una commedia scritta da Renato Sannio e con la regia di Claudio Insegno. La storia è fatta di un lui che s’innamora di una lei, ma una lei sta sposando un altro, che a sua volta conosce un lui tramite un amico dell’altro, che ha conosciuto un lui attraverso una amica che con la fidanzata dell’amico raccolgono un lui per la strada scambiandolo per un altro ancora che deve far divertire una lei.

Insomma gli elementi per passare una serata in allegria ci sono tutti, compresi gli attori: Renato Sannio, Claudia Campagnola, Veronica Pinelli, Giovanna Martini, Marco Cavallaro, Gigi Garretta e Mario Crocetta.

 Marco va ad una festa in maschera vestito da angelo, convinto di poter alleviare così una brutta delusione d'amore. Finisce per la strada completamente ubriaco e privo di sensi. Lo raccolgono due ragazze, scambiandolo per uno spogliarellista con cui avevano appuntamento li vicino, e lo trascinano a casa. Tutto ha inizio: lo spogliarello è l'evento clou di un' addio al nubilato e la futura sposa non è altri che la ragazza che qualche giorno prima ha scaricato Marco. Il sopraggiungere del futuro sposo, del fidanzato della padrona di casa e del vero spogliarellista non fanno altro che complicare le cose.
E il fatidico "si" si trasforma in un "forse"

TEATRO FLAIANO

 

Roma, Via S. Stefano del Cacco 15 – Tel. 06 6796496 – teatroflaiano@libero.it

Orari: da martedì a sabato: ore 21 – domenica ore 17

 




permalink | inviato da il 29/11/2005 alle 17:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

18 novembre 2005


CONTINUA UN' OFFERTA FANTASTICA PER CHI E' A ROMA
TEATRO FLAIANO
Via S. Stefano del Cacco 15 00186 Roma  Tel. 06 6796496 
Fax 06 6781544  E-mail: teatroflaiano@libero.it

Ritagliare la foto di Bustric qui sotto e
prenotare due posti al Teatro Flaiano

(06 6796496): avrete la sorpresa di vedervi ridurre
il prezzo dei biglietti del cinquanta per cento!
Prenotando, fate riferimento all'offerta
del sito (
Gianna Volpi: Comunicazione Teatro Flaiano)

____________________________________________________




permalink | inviato da il 18/11/2005 alle 16:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

11 novembre 2005

BUSTRIC, IL GRANDE MAGHETTO, A TEATRO

Un consiglio e un'offerta: lo spettacolo più buffo e poetico della Capitale. Ritagliando l'immagine di Bustric pubblicata su questa pagina avrete diritto ad una riduzione del cinquanta per cento sul prezzo del biglietto!

Teatro Flaiano


Via S. Stefano del Cacco 15  Roma   Tel. 06 6796496   www.ennioflaianoteatro.ilcannocchiale.it



 


dal 10 novembre al 4 dicembre  (ore 21 – domenica ore 17)


Bustric è  Nuvolo


Scritto da Sergio Bini (Bustric) con la collaborazione di Gianfilippo Pedote - Sonorizzazione  di Benni Atria


Musiche a cura di Roberto Secchi -  Organizzazione  di Alda Vanzini


 


Sergio Bini, meglio conosciuto dal pubblico teatrale come Bustric, torna al palcoscenico con un nuovo spettacolo intriso di fantasia e humor garbato. Con “Nuvolo”, in programmazione al Teatro Flaiano dal 10 novembre al 4 dicembre, Sergio Bini torna anche ad associare elementi di teatro visivo, pantomima e giochi di prestigio all’interno di un racconto,  mescolando il tutto con una serie di invenzioni che appartengono unicamente al suo insolito modo di essere artista fuori dai canoni comuni.


Attento osservatore della società, in questo suo nuovo spettacolo, Bustric guarda il mondo dall’alto, ma con il modo bonario che gli è proprio, come per dire”Sono uno come voi, scherziamo?”. Non ha formule magiche, né regole da dettare, ma fa appello all’ironia e alla sua abilità illusionistica per trasformare, almeno fin che dura il tempo dello spettacolo, il temporale in poesia, i tuoni in musica, i disagi in passatempi.


 


Bustric è Nuvolo, cioè una nuvola che si chiama Nuvolo.


Nuvolo è volubile, ingenuo e cambia sempre discorso.


E' grassoccio ma non pesa niente.


Va veloce come il vento e prende sempre un'altra forma.


Nuvolo guarda attonito ogni cosa. Si meraviglia: è pieno di stupore.


Per questo forse si dice che sia stupido.


E' stupido davvero?


Quaggiù intanto il mondo si è fatto tutto grigio.


Il grande padre Nuvolo apparirà un giorno al piccolo Nuvolo e:


'Solo tu puoi salvare il mondo, gli dice. 'Allora su, datti da fare...


Incredibile...


Ce la farà una nuvoletta candida a riportare il sereno nel nostro mondo buio?


Può l' impossibile diventare realtà?


Una storia piena di sorprese ed epiche avventure.


Principesse, mostri, ombre che vivono e ricordi che restano.


Uno spettacolo fantascientifico, fantastico e fantasioso.


Metacomico, metaforico e a metà di tutto.


Dal cielo alla terra, tra arguti pensieri e sottili sciocchezze


uno spettacolo che ridà la speranza.... E' solo magia?


 


Straordinario protagonista della scena, in grado, da solo, di sostenere un intero spettacolo affollato di personaggi, Bustric ha anche il talento di passare con disinvoltura tra i generi, collaborando con danzatrici come Valeria Magli, attori come Mauro Avogadro, gruppi sperimentali come quello di Pontedera. Il suo è un teatro colorato e comico, a volte poetico, certamente unico.


Con i suoi spettacoli è stato in gran parte d'Europa,dalla Spagna alla Norvegia, in Somalia, Cile, Uruguay, Brasile, Argentina, America del Nord. Ha lavorato nel cinema dove ha fatto film da Oscar come " La vita e Bella " di Roberto Benigni e film nascosti come "Quartiere" di Silvano Agosti.


Alla televisione ha recitato  in vari sceneggiati, ed è stato  il protagonista di una serie dal titolo "Questa casa non e' un albergo". I suoi spettacoli possono essere a tema come "La meravigliosa arte dell'inganno" dove il filo rosso è appunto l'inganno: ogni tipo d'inganno, da quello storico a quello d'amore.


Oppure di pura fantasia, come "Atterraggio di fortuna", dove il pubblico diviene passeggero di un aereo che sta per precipitare e tenta così un atterraggio di fortuna, m a anche storici, come "Napoleone Magico Imperatore", metafora di potere e astuzia. Ha inventato una serie di spettacoli musicali da "Pierino e il lupo" di Prokof'ev rappresentato con l' Orchestra della Toscana, a Varieté,di M.Kagel direttore S.Gorli.


 Ha firma la regia del "Don Giovanni" di Mozart in Colombia e ha recitato nel ruolo di "Ambrogio", servitore di don Bartolo nel Barbiere di Siviglia rappresentato all'Arena di Verona.  


 

[ permalink | inviato il 18/10/2005 alle 20:41 lascia un commento




permalink | inviato da il 11/11/2005 alle 12:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

18 ottobre 2005

VI CONSIGLIAMO...

Un consiglio e un'offerta: lo spettacolo più buffo e poetico della Capitale. Ritagliando l'immagine di Bustric pubblicata su questa pagina avrete diritto ad una riduzione del cinquanta per cento sul prezzo del biglietto!

Teatro Flaiano

Via S. Stefano del Cacco 15  Roma   Tel. 06 6796496   www.ennioflaianoteatro.ilcannocchiale.it


 

dal 10 novembre al 4 dicembre  (ore 21 – domenica ore 17)

Bustric è  Nuvolo

Scritto da Sergio Bini (Bustric) con la collaborazione di Gianfilippo Pedote - Sonorizzazione  di Benni Atria

Musiche a cura di Roberto Secchi -  Organizzazione  di Alda Vanzini

 

Sergio Bini, meglio conosciuto dal pubblico teatrale come Bustric, torna al palcoscenico con un nuovo spettacolo intriso di fantasia e humor garbato. Con “Nuvolo”, in programmazione al Teatro Flaiano dal 10 novembre al 4 dicembre, Sergio Bini torna anche ad associare elementi di teatro visivo, pantomima e giochi di prestigio all’interno di un racconto,  mescolando il tutto con una serie di invenzioni che appartengono unicamente al suo insolito modo di essere artista fuori dai canoni comuni.

Attento osservatore della società, in questo suo nuovo spettacolo, Bustric guarda il mondo dall’alto, ma con il modo bonario che gli è proprio, come per dire”Sono uno come voi, scherziamo?”. Non ha formule magiche, né regole da dettare, ma fa appello all’ironia e alla sua abilità illusionistica per trasformare, almeno fin che dura il tempo dello spettacolo, il temporale in poesia, i tuoni in musica, i disagi in passatempi.

 

Bustric è Nuvolo, cioè una nuvola che si chiama Nuvolo.

Nuvolo è volubile, ingenuo e cambia sempre discorso.

E' grassoccio ma non pesa niente.

Va veloce come il vento e prende sempre un'altra forma.

Nuvolo guarda attonito ogni cosa. Si meraviglia: è pieno di stupore.

Per questo forse si dice che sia stupido.

E' stupido davvero?

Quaggiù intanto il mondo si è fatto tutto grigio.

Il grande padre Nuvolo apparirà un giorno al piccolo Nuvolo e:

'Solo tu puoi salvare il mondo, gli dice. 'Allora su, datti da fare...

Incredibile...

Ce la farà una nuvoletta candida a riportare il sereno nel nostro mondo buio?

Può l' impossibile diventare realtà?

Una storia piena di sorprese ed epiche avventure.

Principesse, mostri, ombre che vivono e ricordi che restano.

Uno spettacolo fantascientifico, fantastico e fantasioso.

Metacomico, metaforico e a metà di tutto.

Dal cielo alla terra, tra arguti pensieri e sottili sciocchezze

uno spettacolo che ridà la speranza.... E' solo magia?

 

Straordinario protagonista della scena, in grado, da solo, di sostenere un intero spettacolo affollato di personaggi, Bustric ha anche il talento di passare con disinvoltura tra i generi, collaborando con danzatrici come Valeria Magli, attori come Mauro Avogadro, gruppi sperimentali come quello di Pontedera. Il suo è un teatro colorato e comico, a volte poetico, certamente unico.

Con i suoi spettacoli è stato in gran parte d'Europa,dalla Spagna alla Norvegia, in Somalia, Cile, Uruguay, Brasile, Argentina, America del Nord. Ha lavorato nel cinema dove ha fatto film da Oscar come " La vita e Bella " di Roberto Benigni e film nascosti come "Quartiere" di Silvano Agosti.

Alla televisione ha recitato  in vari sceneggiati, ed è stato  il protagonista di una serie dal titolo "Questa casa non e' un albergo". I suoi spettacoli possono essere a tema come "La meravigliosa arte dell'inganno" dove il filo rosso è appunto l'inganno: ogni tipo d'inganno, da quello storico a quello d'amore.

Oppure di pura fantasia, come "Atterraggio di fortuna", dove il pubblico diviene passeggero di un aereo che sta per precipitare e tenta così un atterraggio di fortuna, m a anche storici, come "Napoleone Magico Imperatore", metafora di potere e astuzia. Ha inventato una serie di spettacoli musicali da "Pierino e il lupo" di Prokof'ev rappresentato con l' Orchestra della Toscana, a Varieté,di M.Kagel direttore S.Gorli.

 Ha firma la regia del "Don Giovanni" di Mozart in Colombia e ha recitato nel ruolo di "Ambrogio", servitore di don Bartolo nel Barbiere di Siviglia rappresentato all'Arena di Verona.  

 




permalink | inviato da il 18/10/2005 alle 20:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

QUINCE



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     novembre